Mappa Accessibilità
 
  SCRIVI AL COMUNE
  WEB MAIL
  NUMERI UTILI
HomeImposta Unica Comunale

IUC - Imposta Unica Comunale

 Dal 1° gennaio 2014 è in vigore l'Imposta Unica Comunale che si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione dei servizi comunali a sua volta articolato nel tributo per i servizi indivisibili TASI e nel tributo sui rifiuti TARI, destinato a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti

 

Regolamento Comunale IUC

 

 

TASI

La Tasi è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo fabbricati, ivi compresa l'abitazione principale come definita ai fini dell'imposta municipale propria, di aree scoperte nonché di quelle edificabili a qualsiasi uso adibite.
Il tributo è stato regolamentato al capitolo C del Regolamento sull’applicazione dell’ Imposta Unica Comunale, approvato con Delibera di Consiglio nr. 39 del 20/05/2014.


Successivamente, con Delibera di Consiglio nr. 48 del 03/07/2014 contestualmente all'approvazione del bilancio di previsione, l'aliquota inizialmente stabilita nella misura dello  0,15 per cento per tutti gli immobili adibiti ad abitazione principale e per le relative pertinenze, è stata definitivamente rideterminata come segue per l'intero anno 2014:

- 0,17 per cento (1,7 per mille) per tutti gli immobili adibiti ad abitazione principale e per le relative pertinenze;


- Zero per mille (tributo non dovuto) per tutti gli altri immobili assoggettati ad
 Imu.

 

Con delibera di Consiglio nr. 31 del 28/07/2015 sono state confermate le aliquote sopraindicate.

 

Per l'anno 2016 la TASI non è dovuta per gli immobili adibiti ad abitazione principale.

 

 

IMU -Imposta Municipale propria

L’IMU è un'imposta che si applica a tutti gli immobili, ai terreni e alle aree edificabili.
Non pagano l'IMU i possessori dell’abitazione principale e relative pertinenze ad esclusione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1 A/8 e a/9, per le quali l'imposta è dovuta in base alle aliquote e detrazioni deliberate dal consiglio comunale.
Dall'anno 2014 si applica l'aliquota unica dell'1,06 per cento su tutti gli immobili imponibili e per tutte le categorie catastali assoggettate per legge al tributo.

 

Con Delibera di Consiglio n.31 del 28/07/2015 sono state confermate le aliquote sopraindicate

Con Delibera di Consiglio n.17 del 17/03/2016 sono state confermate le aliquote per l'anno 2016 per tutte le fattispecie imponibili

Con Delibera di Consiglio n.10 del 31/07/2017 sono state confermate le aliquote per l'anno 2017 per tutte le fattispecie imponibili

 

Calcolatore IMU

 

 

 

TARI

La Tari  (Tassa sui rifiuti) è stata introdotta con l’art. 1 della legge 27 dicembre 2013 n° 147, a copertura dei costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
Il nuovo tributo sostituisce la Tares ed è dovuto da tutti coloro che possiedono, occupano o detengono, a qualsiasi titolo, locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Per l'anno 2018 con deliberazione di Consiglio Comunale n° 51  del 28-12-2017 sono state aggiornate le tariffe e, come da Regolamento Comunale IUC , articolo 12D comma 4,

sono state fissate le scadenze di pagamento della Tari in 3 rate:

•    16 Luglio
•    16 Settembre
•    16 Novembre

 

Informativa IMU 2019

Per il 2019 si confermano le importanti variazioni in materia di Imposta Unica Comunale (IUC) introdotte con la Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015 n. 208):

 

IMU immobili concessi in uso gratuito

 

Per il proprietario che possiede un immobile che intende concedere in uso gratuito è prevista la riduzione al 50% della base imponibile qualora sussistano contemporaneamente tutti i seguenti requisiti:

  • grado di parentela tra comodante e comodatario in linea retta entro il 1° grado (genitori-figli);
  • il comodatario deve adibire l’immobile ad abitazione principale, ossia deve risiedere e dimorare nello stesso;
  • il comodante deve avere un solo immobile concesso in comodato oltre all’eventuale altro immobile adibito ad abitazione principale;
  • entrambi gli immobili devono essere ubicati nello stesso Comune;
  • entrambi gli immobili non devono appartenere alle categorie catastali di lusso A1, A8 e A9;
  • il comodante non deve possedere altri immobili in Italia, oltre a quelli sopra indicati;
  • il contratto di comodato deve essere registrato.

 

IMU immobili locati a canone concordato

 

Per gli immobili locati a canone concordato stipulati ai sensi dell’art. 2, comma 3, della Legge 431/98, l’imposta, determinata applicando l’aliquota stabilita dal Comune, è ridotta al 75%.

 

Accordo comunale per affitti a canone concordato.

 

IMU terreni agricoli

 

I terreni agricoli di proprietà e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali con iscrizione alla previdenza agricola sono completamente esenti dall’imposta.

Ai fini dell’applicazione di tutte le riduzioni sopra elencate il soggetto passivo dell’imposta dovrà produrre al Comune il relativo modello di Dichiarazione IMU entro il termine di legge.

 

Si ricorda che il Decreto-legge 30 aprile 2019 n. 34, convertito in Legge 58/2019, ha posticipato il termine per la presentazione della Dichiarazione IMU dal 30 giugno al 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo.

 

IMU immobili ERAP

 

Relativamente agli alloggi regolarmente assegnati dall’Ente Regionale Abitazione Pubblica (ERAP) si applica l’aliquota del 7,60 per mille e si rende altresì applicabile la detrazione di 200,00 Euro per ciascun alloggio.

 

Calcolatore IMU

 

 

 

Newsletter

Se usi il nostro sito, accetti il modo in cui utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza. Per sapere di più sui cookie, leggi la privacy policy.

Accetto i cookie per questo sito

EU Cookie Directive Module Information